Aiuta la A.S.SO.!

CHI SIAMO


A.S.S.O. (Archeologia Subacquea Speleologia Organizzazione)
Organizzazione Non Lucrativa di Utilità sociale
Via Appia Pignatelli, 235 - 00178 Roma (Italy)
Ph: +39 06 7186919 / fax.: +39 0632090373 - mail: info@assonet.org


  • Associazione Riconosciuta con n. 940/2013 del Registro delle Persone Giuridiche della Prefettura di Roma
  • Iscritta al Registro Regionale del Lazio per le Organizzazioni di Volontariato, nella Sezione Cultura, con Decreto PGR numero 485 del 28 Marzo 1994 e nella Sezione Protezione Civile con Determinazione D4333 del 26 Ottobre 2004
  • Registrata presso l'Ufficio del Registro di Albano Laziale (Roma) il 1.8.90 al Nr. 2913 come Associazione Culturale. 



  • FINALITA' E SERVIZI

    A.S.S.O. è una associazione riconosciuta. Ha come scopo la ricerca scientifica, l'individuazione, lo studio e la valorizzazione dei beni culturali e naturalistici sommersi ed emersi; la diffusione della cultura sul patrimonio naturale ed archeologico e l'attuazione, in tutte le forme, delle attività connesse con la finalità mediante contatti con Università, Istituti di ricerca, Centri Culturali nazionali ed esteri, progetti, convegni, congressi, mostre, collaborazioni esterne, filmati, seminari, realizzazioni multimediali, pubblicazioni. 

    Promuove e conduce operazioni di ricerca subacquea, ipogeica, di superficie e aerea in ambiti naturalistici, storici e archeologici, sotto l'egida delle Autorità preposte. Sviluppa, in proprio ed in partnership con soggetti nazionali ed esteri, progetti nazionali ed internazionali di ricerca scientifica e di crescita socioeconomica. Non ha finalità di lucro e conduce le proprie attività anche grazie a supporti esterni o sponsorizzazioni negoziate di volta in volta. 

    I principali destinatari dei servizi A.S.S.O. sono le strutture pubbliche nazionali (Soprintendenze, Regioni, Province, Enti Locali, Enti Pubblici, ecc.) ed estere verso le quali l'Associazione offre un supporto gratuito. Anche imprese ed aziende si rivolgono alla A.S.S.O. per consulenza tecnica e realizzazione di ricerche, esplorazioni, rilevamenti e scavi archeologici in aree sommerse e sotterranee. Gli eventuali introiti derivanti da tale attività vengono reinvestiti nell'Associazione in coerenza con i dettami e le leggi sul volontariato e sulle Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (O.N.L.U.S.). 

    In aggiunta a supporti negoziati di volta in volta, A.S.S.O. si avvale di attrezzature e servizi permanenti concessi da realtà industriali o commerciali anche molto affermate. 

    Registrata presso l'Ufficio del Registro di Albano Laziale, Roma, il 1.8.90 al Nr. 2913 come Associazione Culturale. E’ iscritta al Registro Regionale del Lazio per le Organizzazioni di Volontariato, nella Sezione Cultura, con Decreto PGR numero 485 del 28 Marzo 1994 e nella Sezione Protezione Civile con Determinazione D4333 del 26 Ottobre 2004 ed al Registro delle Persone Giuridiche presso la Prefettura al numero 940/2013.

    ORGANIZZAZIONE

    A.S.S.O. è autosufficiente sia sotto il punto di vista delle dotazioni tecniche che dell’operatività. E’ condotta da un nucleo di soci fondatori che, provenendo da precedenti attività nei settori di competenza, hanno fatto confluire nell’organizzazione professionalità, esperienza ed equipaggiamenti. 

    Governata da un Consiglio Direttivo che decide collegialmente le strategie e le attività da svolgere, gestisce le proprie attività secondo un raro concetto di "associazione aperta" formando e, talvolta, utilizzando tecnici o volontari di altre strutture, mantenendo uno stretto controllo dei progetti e contribuendo alla diffusione delle conoscenze tecniche e scientifiche. 

    Questa scelta organizzativa consente all’Associazione di crescere culturalmente collaborando con le migliori organizzazioni e professionisti e permette, inoltre, di contenere al minimo la struttura interna, di velocizzare i tempi di gestione e di mantenere un costante processo di aggiornamento e confronto con l’esterno.

    PARTNER, COLLABORAZIONI E RICONOSCIMENTI 

    L'Associazione, direttamente o attraverso i membri del Consiglio Direttivo, è rappresentata e accreditata presso numerose realtà del mondo istituzionale, scientifico, tecnico ed archeologico. 

    Collabora sistematicamente con la Scuola Nazionale di Speleologia Subacquea della Società Speleologica Italiana (SSI), in spedizioni, esplorazioni, opere didattiche e formazione, e con la Commissione Cavità Artificiali della SSI stessa per ricerche e rilevamenti di ipogei artificiali asciutti e sommersi. 

    E' consulente di diversi Comuni italiani, Università e Soprintendenze per ricerche e prospezioni speleologiche o archeologiche subacquee, per attività di protezione civile, per riprese aeree ed elaborazioni topografiche di prossimità e oltre che per progetti di valorizzazione di ipogei, aree sommerse, zone archeologiche e beni culturali o naturalistici. 

    Diversi premi e riconoscimenti le sono stati attribuiti. Tra questi fa spicco l’Award 2014 assegnato dall’International Academy of Underwater Sciences and Techniques con la motivazione “Organizzazione no profit affermata nella ricerca, esplorazione e documentazione di ambienti sommersi e sotterranei. Contribuisce costantemente alla crescita della conoscenza scientifica del patrimonio archeologico e naturalistico sommerso in mare, acque interne, in grotte e cavità artificiali. Le è riconosciuta grande competenza anche nel far cooperare persone e organizzazioni molto diverse, nella divulgazione e nello sviluppo di progetti che, abbinate ad una forte spinta verso l’innovazione tecnologica ed organizzativa, l’hanno resa partner di molteplici realtà Istituzionali ed Accademiche.” 

    Tra gli altri riconoscimenti può essere menzionato il Tridente d’Oro 2005 assegnato al suo direttore generale dott. Mario Mazzoli. Creato nel 1960, il Premio è considerato il “Nobel” dei subacquei. Viene assegnato a personalità del mondo scientifico, tecnico, artistico, culturale e sportivo, che si sono particolarmente distinte in campo internazionale nelle attività marine e subacquee. Tra i nomi particolarmente celebri che hanno ricevuto il premio possono essere ricordati: Cousteau, Piccard, Bass, Pallotta, Trockmorton, Buhlmann, Gianfrotta, Raban, Hass, Edgerton, Taillez, Olschki, Cinelli, Cedrone, Mayol, Ferri Ricchi e Maiorca. 

    Merita attenzione anche il premio Effemeridi 2009, che questa organizzazione assegna a personaggi autorevoli nel settore della social responsibility and brand reputation. 

    La conduzione di progetti integrati, non solo legati alle attività di ricerca in ambienti sotterranei e sommersi, e la credibilità dell’Associazione abbinata ad una forte visione sistemica tra ricerca storica/scientifica e comunicazione, consentono ad A.S.S.O. di incontrare rilevanti sinergie tecniche e di immagine. Questo è il caso del suo “Progetto Dedalo” condotto nell’aprile del 2009 sul relitto della nave ospedale Po, silurata nel 1941 nelle acque della Baia di Valona. Grazie alla prestigiosa collaborazione con il Nucleo di Frontiera Marittima della Guardia di Finanza di stanza in Albania e con la RAI, è stato possibile documentare le esplorazioni nel relitto da parte dei tecnici A.S.S.O., realizzare un “Dossier” del TG2 sulle navi ospedale e il documentario “La tragedia della nave bianca”. 

    Molteplici sono poi le immersioni a scopo esplorativo e documentaristico che il team A.S.S.O. effettua impiegando sia respiratori a circuito aperto che rebreather in chiuso. Ad esempio, a seguito degli accordi con la Guardia Costiera - Capitaneria di Porto - per il rilevamento e l’emissione di provvedimenti di tutela archeologica di aree costiere Lazio Settentrionale e di sicurezza nelle immersioni, nell’estate 2013 è stata condotta una vasta operazione congiunta, che ha registrato anche la partecipazione del Nucleo Subacquei dell’Arma dei Carabinieri, finalizzata all’esplorazione e documentazione fotografica e filmata di due relitti navali affondati presso Civitavecchia, le navi Asia e Adernò. 

    A.S.S.O. è partner ufficiale del Centro Archeologico Studi Navali, con il suo Laboratorio di Archeologia Navale Sperimentale, per mettere a fattore comune documentazione grafica, filmata, fotografica, testi e prototipi per esigenze di ricerca scientifica, divulgazione e, in particolare, ricostruzioni storico-scientifiche e progetti di archeologia sperimentale. A.S.S.O. Via Appia Pignatelli, 235 - 00178 - Roma tel. +39 067186919 e.mail: info@assonet.org www.assonet.org 3 

    Vista la rilevanza sempre crescente degli studi e ricerche di ambienti ipogei artificiali, in partnership con altre due realtà notoriamente affermate nello studio delle cavità artificiali, ha costituito “HYPOGEA - Ricerca e valorizzazione cavità artificiali”. A.S.S.O., “Egeria” e “Roma Sotterranea” hanno infatti messo a fattore comune esperienza e professionalità e, mantenendo ciascuno la propria identità, hanno fatto convergere in questa nuova realtà federativa sinergie rilevanti verso la ricerca, la salvaguardia, la valorizzazione e la tutela del patrimonio sotterraneo con particolare riguardo alle cavità artificiali di interesse storico o archeologico o che presentino rischi per le persone o il patrimonio soprastante. In aggiunta alle competenze trasversali e tipiche di tutte e tre le organizzazioni, A.S.S.O. è direttamente responsabile per tutte le esplorazioni e rilevamenti speleo subacquei nelle aree artificiali come pozzi, acquedotti, cisterne, miniere ed altre strutture ipogee sommerse.

    TOPOGRAFIA DI PROSSIMITA’, FOTO E FILMATI AEREI


    Grazie alla partnership con Drone Solution, da molti anni, A.S.S.O. è nota anche come affidabile precursore nell’impego di APR (aeromobili a pilotaggio remoto) per la realizzazione di riprese aeree a scopi documentaristici, topografici e di controllo del territorio. Numerosi sono stati gli interventi in tema che hanno prodotto modelli topografici ad alta precisione, anche in 3d, documentazione fotografica e filmata di manufatti e ambienti, anche molto vasti, di alto pregio archeologico o naturalistico. Tra i molteplici interventi, commissionati anche da Soprintendenze e Forze di Polizia, possono essere citati quelli effettuati a Roma presso la Domus Aurea, il Colosseo, I Fori Imperiali, la Villa dei Quintili, Tor Vergata, Anagnina e a Foligno, Norba, Terracina, Bisenzio, Campo della Fiera ed altre località.


    COMUNICAZIONE, DIVULGAZIONE E PRODUZIONI VIDEO 

    I componenti e il marchio ASSO appaiono frequentemente in documentari e in trasmissioni televisive sia per iniziativa propria che di terzi. Numerose sono le conferenze sistematicamente tenute presso Università, Circoli e Federazioni subacquee, Centri Culturali, Associazioni, Comuni e strutture di Stato come molteplici sono gli articoli di stampa e web a firma A.S.S.O. o che a questa si riferiscano. 

    Spesso A.S.S.O. viene invitata a manifestazioni o eventi per intervenire in workshop o tavole rotonde, proiettare suoi documentari o foto o per partecipare ad altre iniziative come avviene da anni, ad esempio, per BIG BLU Fiera internazionale del Mare, della Nautica e della Subacquea che si tiene annualmente a Roma oppure all’EUDI Show. 

    Siti sommersi o sotterranei, fondali marini o lacustri anche ad alte profondità, grotte naturali e cavità artificiali sono ambienti di difficile accessibilità o che potrebbero essere documentati solo a costi proibitivi da parte di troupe non specializzate. 

    E’ per questo che costituiscono il principale ambito documentaristico in cui l’Associazione opera ottenendo immagini affascinanti, spesso di difficile realizzazione, riprese direttamente dai tecnici A.S.S.O. attraverso l’impiego di apparecchiature digitali di ultima generazione. A.S.S.O. Via Appia Pignatelli, 235 - 00178 - Roma tel. +39 067186919 e.mail: info@assonet.org www.assonet.org 7 E’ proprio grazie alla specifica esperienza maturata che A.S.S.O. ha potuto realizzare e produrre diversi servizi video e documentari di ricerca, esplorazione ed avventura tra cui vanno citati: “Albania: la storia sommersa”, “Cosa c’è sotto ?! Mondi sommersi e sotterranei” (Realizzato nel 2011 con il contributo della Regione Lazio e destinato a scuole, università, amministratori, circoli sportivi e protezione civile), “Santa Severa tra leggenda e realtà storica” (Vincitore del Premio del Pubblico "Capitello d'Argento" al Festival Internazionale del cinema Archeologico "Capitello D'Oro" di Roma - 2009) 

    Servizi video specialistici A.S.S.O. sono stati inclusi in trasmissioni e/o in nostre interviste da parte di: RAIDUE, RETE4, RAITRE, MEDIOLANUM CHANNEL, RAIUNO, DISNEY CHANNEL, RAI STORIA, TV2000 ed altre emittenti.

    INNOVAZIONE 

    L’innovazione ha sempre caratterizzato la A.S.S.O., a partire dal suo inusuale modello di gestione, che da sempre ha puntato con ottimi riscontri pratici e scientifici ad un numero estremamente contenuto di soci ma ad una vastissima rete di contatti e di cooperazioni. 

    Particolare attenzione è sempre stata assegnata allo sviluppo dei supporti informatici e all'attuazione di iniziative di comunicazione nel campo dei beni culturali e naturalistici sia con mezzi tradizionali (convegni, pubblicazioni, mostre, servizi giornalistici, filmati ecc.) che attraverso strumenti multimediali e telematici. 

    A.S.S.O. ha precorso i tempi anche in tema di web. Sin dal 1990 ha progettato e messo in linea il primo nodo internet italiano di Archeologia Subacquea e Speleologia Subacquea (www.assonet.org), nel quale ancora oggi confluiscono notizie, relazioni ed informazioni sulle più importanti realtà associative, organizzative ed editoriali italiane di questi campi. Il nodo, ben noto a livello internazionale, è collegato ai più importanti siti internet mondiali del settore. 

    Dal 2011 è stata assegnata decisa attenzione verso la progettazione e utilizzo di droni volanti, detti APR Apparecchi a Pilotaggio Remoto, per la realizzazione di riprese aree ai fini di ricerca, documentazione scientifica, cinematografia e rilevamenti topografici e territoriali. Questa esperienza ha consentito di attivare un proficuo sodalizio che vede nella partnership tra DRONE SOLUTION e A.S.S.O. un team multidisciplinare di successo nell’impiego di APR per innovative le ricerche anche in ambienti sotterranei attraverso l’impiego di microdroni, oltre che per foto, riprese aeree ed elaborazioni in 3d, di aree e manufatti non esclusivamente archeologici. E’ disponibile copia della voluminosa rassegna stampa.

    Roma, Dicembre 2015