venerdì 22 settembre 2017

Un parco sotto il mare, Lerici fa sul serio (da "Città della Spezia")

Dal rinvenimento della colonna romana ad inizi anni '90 ad un progetto espositivo a metà fra la tutela biologica ed un percorso storico. 

Golfo dei Poeti - Un parco subacqueo archeologico nelle profondità della baia della Caletta? Il progetto del Comune di Lerici inizia a mettere gambe burocratiche ed i famosi tre rocchi della colonna di marmo rinvenuti nella campagna di scavi del settembre '91, un futuro. Forse non tutti sanno che, adagiati sul fondale alla profondità di 8 metri, giacciono ancora due dei tre corpi lapidei approssimativamente cilindrici, parzialmente ricoperti dal fondale sabbioso, mentre quello centrale si trova all'interno dell'area archeologica dell'antica Luni. 

Con la firma della convenzione, il Comune di Lerici e la Soprintendenza Ligure, rappresentata per l'occasione dal dottor Vincenzo Tinè, intendono essenzialmente valorizzare e rendere fruibile il patrimonio subacqueo, promuovere lo sviluppo della cultura e il rispetto ambientale, favorire immersioni in sicurezza e naturalmente promuovere l'offerta turistica. "Vorremmo aprire alla subacquea una zona che oggi è interdetta e dare vita ad un vero e proprio sito archeologico" - spiegano gli amministratori lericini. A fare gli onori di casa il Vicesindaco del Comune di Lerici, Lisa Saisi, l'assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Lerici, Marco Russo, il coordinatore servizio tecnico archeologia subacquea ligure, Simon Luca Trigona. Presenta anche il neo-nominato comandante dell'Ufficio locale marittimo di Lerici, Cristian Apollonio. Un'esperienza storico-naturalistica. 

A rendere speciale il sito è stata l'ordinanza di tutela emessa a suo tempo dalla Capitaneria di Porto che, intendendo l'area, ha permesso uno sviluppo pressoché indisturbato di spugne, spirografi, gorgonie e datteri di mare che hanno approfittato dei blocchi di marmo adagiati sul fondo, ancorandosi facilmente a profondità decisamente minori di quanto accade di solito. Una visita subacquea a metà fra la ricerca storica e l'analisi naturalistica che si completa con un itinerario suggestivo di visita alla grotta del Macellaio, composta ..... CONTINUA A LEGGERE SU CITTA' DELLA SPEZIA

martedì 19 settembre 2017

Grotte come discariche, verso le bonifiche con 'Puliamo il buio' - Dal 22 al 24 settembre, iniziativa organizzata dalla Società speleologica italiana

Segnalare i casi di ipogei naturali e artificiali utilizzati come discariche abusive e le conseguenti situazioni di rischio, per procedere poi almeno in parte alla loro bonifica e proporre possibili soluzioni. E' questo l'obiettivo dell'iniziativa della Società speleologica italiana “Puliamo il Buio”, la cui edizione 2017 è in programma dal 22 al 24 settembre in diverse grotte e cavità artificiali dal nord al sud dell'Italia. 

La manifestazione, legata al progetto “Puliamo il mondo” di Legambiente, ha consentito di raccogliere, dalla prima edizione del 2005 al 2016, 156.168 kg di materiali, avviati a discarica autorizzata. Le giornate di Puliamo il Buio saranno anche occasione per aggiornare il Censimento delle cavità a rischio ambientale, ossia gli ambienti sotterranei dove è stata rilevata la presenza di materiali o condizioni in grado di alterare e inquinare le acque provenienti da sottosuolo. 

“Le acque sotterranee sono fonti preziose di approvvigionamento colturale e civile; il loro inquinamento può mettere a rischio anche le delicate forme di vita di eccezionale specializzazione presenti nei vuoti sotterranei esplorati e documentati dagli speleologi”, afferma il presidente della Società speleologica italiana Vincenzo Martimucci. Il Censimento, avviato nel 2005, in continuo aggiornamento e disponibile on line ..... CONTINUA A LEGGERE SU ADNKRONOS


sabato 16 settembre 2017

#faragolasiamonoi - Parte la raccolta di fondi per il restauro della villa di Faragola



Avviata la raccolta di fondi per Faragola dalla Fondazione Apulia felix onlus; partecipate e fate circolare; faremo avere notizie costanti, con la massima trasparenza, sia sulla raccolta sia sulla loro destinazione, che sarà concordata con la Soprintendenza ABAP di Foggia e con le altre istituzioni coinvolte nella attività di recupero, restauro e ricostruzione.

Rendiamo qui disponibile la versione integrale del documentario "Non le perle, ma il filo" realizzato nel 2005 a cura di Giuliano Volpe e con la regia di Massimo D'Alessandro che descrive l'imponente lavoro archeologico realizzato nel territorio della Daunia, in Puglia, da parte dell'Università di Foggia. Un viaggio nelle testimonianze archeologiche di questo splendido territorio, dalla città antica di Herdonia al complesso monumentale di San Pietro a Canosa fino alla villa Romana di Faragola, qui raccontata nelle fasi di scoperta e scavo. Una testimonianza di un lavoro impegnativo portato a termine dagli studenti di Archeologia sotto la guida del Prof. Volpe e che oggi rischia di essere stato vanificato da un atto criminale e scellerato.


Foggia, distrutto dalle fiamme il sito archeologico di Faragola: "Forse utilizzato esplosivo"

FOGGIA - Un incendio ha distrutto la copertura lignea del sito archeologico di Faragola, ad Ascoli Satriano, e ne ha gravemente compromesso marmi e mosaici riportati alla luce in 14 anni di scavi e lavoro di ricerca. Il rogo nella notte nell'area dell'esteso e articolato insediamento rurale di età romana e tardoantica, costituito da un nucleo residenziale in cui era stata parzialmente recuperata la grande sala da pranzo (cenatio) e individuati un atrio, circondato su tutti i lati da un portico, e una serie di ambienti decorati con mosaici geometrici policromi. 

Una villa ricca - Villa Faragola, appunto - di cui è stata finora documentata soprattutto la fase tardoantica (IV-VI secolo dopo Cristo). Di particolare pregio, gli ambienti della cenatio, dove è possibile ammirare lo stibadium, il divano in muratura per il banchetto, ma anche tre tappeti in opus sectile, inseriti nella pavimentazione marmorea. 



A maggio dello scorso anno furono restituiti alla città i mosaici recuperati negli ambienti di quella che doveva essere una palestra all'interno della residenza. Tutto questo ora è stato compromesso. Sconvolto l'archeologo Giuliano Volpe, presidente del Consiglio superiore dei beni culturali e paesaggistici: "E' un disastro. Forse sono stati usati esplosivi per far saltare la copertura, che è ignifuga. Sembra roba da professionisti", ipotizza a caldo Volpe, benché gli accertamenti tecnici di vigili del fuoco e carabinieri non abbiano riscontrato, al momento, tracce di liquido infiammabile o inneschi. "E' stato provocato un danno enorme. Forse irreparabile", continua l'archeologo. "Le notizie ..... CONTINUA A LEGGERE SU REPUBBLICA 


domenica 10 settembre 2017

14-17 settembre, Gramat (France): 6° Congresso Internazionale di Speleologia Subacquea


Dal 14 al 17 settembre 2017 nella località di Gramat, in Francia, si terrà il 6° Congresso Internazionale di Speleologia Subacquea organizzato da LICDC.

Il congresso prevede un serie di conferenze e proiezioni, un concorso fotografico per le più belle foto di cavità sommerse ed una serie di attività pratiche mirate alla conoscenza e alla divulgazione delle tecniche di immersione speleosubacquea con alcune sessioni dedicate ai più piccoli.