Aiuta la A.S.SO.!

sabato 29 luglio 2017

DOBRUJA HYPOGEA: International Congress of Speleology in Artificial Cavities 2019 - FIRST ANNOUNCEMENT


Dear Colleagues
the first International Congress of Speleology in Artificial Cavities; HYPOGEA 2015 was held in Rome / Italy during March 11-15, 2015 . The second one - HYPOGEA 2017 took place in Ürgüp- Cappadocia / Turkey during March 6-10, 2017. 

The 3-rd edition of HYPOGEA congress will be held in Bulgaria from 20 to 25 May 2019. 

This important event will be organized by Bulgarian Caving Society in collaboration with differ-ent Bulgarian regional museums of history and scientific institutions and under the patronages of International Union of Speleology in the face of its Commission of Artificial Cavities, Balkan Speleological Union , HYPOGEA Federation – Italy and Municipality of Dorbrich City, Bulgaria. This speleological congress is dedicated to the 90 - th anniversary of organized speleology in Bulgaria. 

Date and venue:
HYPOGEA’ 2019 will be held in Dobrich City in May 20 -25 2019. During and after the Congress there will be several excursions to various artificial cavities, rock monasteries and churches, cave dwellings in North – East Bulgaria. 

Goals & Objectives of the event:
The main object of HYPOGEA 2019 Congress is to continue the tradition to gather together the explorers of artificial cavities all over the world, which beginning was put in Roma and continue during the second edition of the congress in Capadocia - Turkey. The second, but not the last goal of the Congress is to increase dialogue and encourage the collaboration among the non-professional and professional explorers of artificial cavities and to provide an opportunity for members of the community to share their experiences under exploration and study of under-ground cavities and to promote the preservation of subterranean historical and cultural herit-age. 

Working language: English

Focuses of the discussions: 
  • Results of the exploration of different kind of objects in accordance of their type, origin and use; 
  • Historical, cultural and economic importance of the artificial cavities; 
  • Hazards, protection , remediation and rehabilitation; 
  • Technics for collecting of scientific information, cave mapping, visualization and interpre-tation of obtained data; 
  • General matters concerning artificial cavities. 
The contributions are expected in English language and can be presented orally (max. 12 min. + 3 min. discussion) or as a poster, based upon a selection by the Scientific Committee. 

DEADLINES:
  1. Abstract submission: December 31-st 2017 
  2. Confirmation of the abstracts: March 31-st 2018 
  3. Final contribution: July 31-th, 2018 
  4. Early birds up to: October 15-th, 2018 
  5. Registration closing date: May 1-st, 2019
In order to ensure distribution of the proceedings during the Congress, the above deadlines will be strictly maintained.

Organising Committee: hypogea@bgcave.org



venerdì 28 luglio 2017

Archeologia subacquea: collaborazione greco-italiana per la manutenzione della città sommersa dell’Antica Epidauro (da puntogrecia.gr)

La Soprintendenza alle Antichità Subacquee (“EEA”, il suo acronimo in greco) - un reparto speciale del Ministero greco della Cultura e dello Sport che si occupa della conservazione di reperti archeologici sottomarini- ha organizzato in collaborazione con la Scuola Archeologica Italiana di Atene (SAIA) un programma pilota di formazione sulla gestione del patrimonio culturale sommerso. 

Dal titolo “In situ conservation of underwater ancheological sites: methods and case studies” (“Conservazione in situ dei reperti archeologici sommersi: metodi e casi di studio”), il workshop si è tenuto dal 3 al 7 luglio 2017 ad Atene ed Epidauro. L’iniziativa è stata organizzata dall’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR) nell’ambito del progetto BLUEMED promosso dalla Comunità Europea allo scopo di valorizzare il patrimonio subacqueo sia naturalistico che culturale del Mediterraneo. 

Articolato in due sessioni –una teorica, ospitata presso la sede della SAIA ad Atene e una pratica, svolta presso la villa romana sommersa di Epidauro- il workshop è stato un’occasione privilegiata per discutere argomenti relativi alla gestione e conservazione dei ..... CONTINUA A LEGGERE SU PUNTOGRECIA.GR

giovedì 20 luglio 2017

14 luglio - 29 settembre 2017: Ciclo di conferenze "COSE, UOMINI E PAESAGGI DEL MONDO ANTICO"


COSE, UOMINI E PAESAGGI DEL MONDO ANTICO
Ciclo di Conferenze scientifico divulgative (XVI Edizione) 
14 Luglio - 29 Settembre 2016 
Castello di Santa Severa - ore 21,15 
Ingresso libero

Venerdì 14 luglio 
“La moneta imperiale romana come strumento di propaganda” 
Dott. Fiorenzo Catalli (già Direttore del Monetiere del Museo Archeologico Nazionale di Firenze) 

Venerdì 21 luglio 
“Roma nel Lazio: esperimento di conquista” 
Prof. Paolo Carafa (Università La Sapienza di Roma) 

Mercoledì 2 Agosto 
“Marmi sommersi: la vita subacquea dei reperti archeologici” 
Dott.ssa Sandra Ricci (Laboratorio di indagini biologiche dell’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR), Prof.ssa Barbara Davidde Petriaggi (Direttrice Nucleo per gli Interventi di Archeologia Subacquea dell’ISCR - Università degli Studi di Roma Tre)

Venerdì 18 agosto 
“Storia e archeologia del castello di Santa Severa. Il racconto nel nuovo Museo del Castello” 
Dott. Flavio Enei (Direttore Museo Civico di Santa Marinella “Museo del Mare e della Navigazione Antica”) 

Venerdì 25 agosto 
“Il quartiere cerimoniale di Pyrgi: nuovi dati dalle ricerche in corso” 
Prof.ssa Laura Michetti, Dott.ssa Barbara Belelli Marchesini (Università La Sapienza di Roma) 

Venerdì 1 settembre 
“Capolavori dai mari italiani. Storie e retroscena di straordinarie scoperte subacquee” 
Dott. Stefano Alessandrini (Consulente avvocatura dello Stato – MIBACT) 

Venerdì 8 settembre 
“Il patrimonio culturale subacqueo della Sicilia” 
Prof. Sebastiano Tusa (Soprintendente della Soprintendenza del Mare della Regione Sicilia) 

Venerdì 15 settembre 
“Archeologia dell’acqua: opere idrauliche etrusche e romane a Cerveteri e nel suo territorio” 
Dott. Vincenzo Bellelli (Istituto di Studi sul Mediterraneo Antico – CNR) 

Venerdì 22 settembre 
“Castrum Novum: relazione della campagna di scavi 2017” 
Flavio Enei (Museo Civico S. Marinella), Sara Nardi Combescure (Università di Amiens), Grégoire Poccardi (Università di Lille3), Rossella Zaccagnini (Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per l’Area Metropolitana di Roma, la Provincia di Viterbo e l’Etruria Meridionale) 

Venerdì 29 settembre 
“Una villa romana semisommersa nel lago di Bracciano: Vigna Orsini dalla fase tardorepubblicana al sepolcreto tardo antico” 
Prof. Giuseppe Cordiano (Università degli Studi di Siena) 


Per informazioni: 
Museo Civico di Santa Marinella “Museo del Mare e della Navigazione Antica” 
Tel. 0766/570077 - 0766/672040
fenei@comune.santamarinella.rm.it  -www.museosantasevera.it 

Gruppo Archeologico del Territorio Cerite (Onlus) 
Tel. 0766/571727 (mar.gio.sab, ore 10-12) 
segreteria@gatc.it - www.gatc.it

venerdì 7 luglio 2017

IL CAVALLO DI TROIA ... ERA UNA NAVE!

Quante volte, tra gente di mare o appassionati di storia, ci siamo chiesti che cosa ci facesse un cavallo nella presa di Troia oppure per quale motivo questo fosse spuntato fuori contesto? 

E' successo in diverse occasioni ma ... nessuno di noi è il dott. Francesco Tiboni

Proprio così, perché Francesco - paletnologo, esperto di navigazione protostorica nel Mediterraneo, archeologo subacqueo e navale - non si è limitato alle perplessità ma ci ha scavato intorno, ha studiato, si è confrontato con le fonti, con i colleghi di mezzo mondo e con il il rischio di cozzare contro il MITO. 

Tenace, competente e affiancato anche professionalmente da sua moglie Laura Sanna, anche lei archeologa subacquea, ha preso il coraggio a quattro mani e ha raccolto e sistematizzato quelli che chiama, molto professionalmente e prudentemente, solo "indizi" in un saggio recentemente pubblicato: LA PRESA DI TROIA. UN INGANNO VENUTO DAL MARE (Edizioni di Storia e Studi sociali) 

Leggetelo e capirete come sia concreto il rischio che il mito possa essere rivisto.