venerdì 10 dicembre 2010

Il nuovo libro di Alberto Romeo: "STORIA DELLA FOTOGRAFIA E CINEMATOGRAFIA SUBACQUEA ITALIANA"

Una Storia della Fotocinematografia Subacquea Italiana scritta organicamente e cronologicamente non è mai stata pubblicata.
Questo volume tratta degli avvenimenti più importanti dagli inizi fino agli anni ’80, raggruppati anno per anno, con un corredo iconografico di oltre 250 rare immagini d’epoca.
Ogni decennio viene aperto con un commento generale e viene chiuso con una monografia sull’avvenimento ritenuto il più interessante.
I resoconti sono rigorosamente controllati e spesso appresi dalla viva voce degli stessi protagonisti, che non di rado hanno onorato della loro amicizia l’autore.
La parte più difficile del lavoro è stata ricostruire la storia foto-cinesub italiana che dai nostri primordi va fino agli anni ’60; il resto l’autore lo ha vissuto in prima persona, specialmente per quanto riguarda la fotografia subacquea negli anni ’70 e ’80, conoscendo praticamente tutti i protagonisti e partecipando in prima persona a molti di quegli avvenimenti.
Viene anche trattata l’evoluzione delle attrezzature fotocinesub fino agli anni ’90, infine sono stati particolarmente approfonditi, da un punto di vista prettamente storico, gli anni intorno alla II Guerra Mondiale, ed il ruolo che il Gruppo Gamma della X Flottiglia MAS ha avuto nello sviluppo dell’attività subacquea sportiva italiana nel dopoguerra.
Come frutto importante delle sue ricerche bisogna riconoscere all’autore il merito di avere tolto dall’oblio alcuni importanti pionieri come: Francesco Alliata ed il suo gruppo dei “Ragazzi della Panaria Film”, Giovanni Roccardi, Romolo Marcellini, Lino Pellegrini, Franco Prosperi e Paolo Cavara.
Il volume ha avuto l'imprimatur dell' Historical Diving Society Italia ed ha conseguito la nomination al premio letterario Città di Sanremo.
Infine ma non ultima caratteristica di questo volume è il fatto che è bilingue italiano-inglese.
DISPONIBILE NELLE LIBRERIE E DIRETTAMENTE ALLA CASA EDITRICE LA MANDRAGORA

Nessun commento:

Posta un commento